Tag Archives: neonato

Palestrina ikea: ci piace!!!

22 Ago

Ciao Mamme,

post velocissimo per condividere con voi la felicità di aver trovato qualcosa per intrattenere con successo la mia piccola Micol: la palestrina Ikea! Semplice ed economica  (circa 25 euro  link al sito )

Potete usarla a terra o al fasciatoio, utilizzo prediletto di Micol. 

Noi non abbiamo un vero e proprio fasciatoio, abbiamo una scrivania riadattata con un rialzo fatto su misura e il cuscino fasciatoio di Prenatal. La misura della palestrina calza a pennello!

Micol la adora. Ci gioca tantissimo e ora ha iniziato anche ad afferrare i vari anellini e giochini! Il cambio pannolino è diventato uno spasso per me, che la vedo sorridere e giocare, e per lei!

Vi saluto mamme, andiamo a fare la prima vaccinazione!

Un bacione, dalla vostra F. e dalla piccola Micol 

https://www.instagram.com/fede_madforshopping/

Vi ricordiamo che ci trovate anche su Facebook alla pagina Mad For Shopping Instagram @fede_madforshopping @noe_madforshopping @ele_madforshopping


Annunci

Questione di nanna e a-mici pelosi 

17 Ago

Buongiorno Adorate, 

arrivo da una lunga notte fatta di calci e ciucciatine.  Si, Micol ha solo 3 mesi, ma scalcia come un cavallino, specialmente da quando ha imparato a fare il lombrico sul letto, usando tutto quello che trova per darsi la spinta. 

Il lettone ormai è suo. 

Ovviamente siamo equipaggiati con la famosa next to me, comprata dopo il fallimento del lettino ikea con sponda removibile 😂😂😂 poveri illusi

La nostra bimba dorme solo nel lettone, e vi dirò, che nonostante la scomodità apparente, è tanto bello averla con noi anche per la nanna.

Il nostro letto è diventato un posto magico dove si riunisce tutta la famiglia e dove tutta la famiglia conclude e ricomincia la giornata. 

In uno dei risvegli notturni, mentre lei ad occhietti chiusi mi ciuccettava, mi sono fermata ad ammirare la mia famiglia al completo tutta al mio fianco. Dal lato destro del letto, in ordine, io e Cracker, Micol, il suo coniglietto di peluche e il suo inseparabile amico Gedeone, il mio compagno e la nostra Popy su di lui. Sono rimasta a guardare la scena per 5 minuti e mi sono resa conto di quanto sono fortunata.  Ho tutto. Non mi manca niente.  Insieme siamo tutto. Non mi sono mai sentita così completa, amata e circondata da amore.

Da sinistra, Cracker, Gedeone e Popy

Micol ha 3 a-mici speciali e io ho 3 piccoli aiutanti, che seguono i suoi spostamenti tutto il giorno per casa e fanno a turno per supervisionare il cambio pannolino, il bagnetto, la sua pappa e la sua nanna.

In gravidanza mi chiedevo come avrebbero reagito i 2 principini e la principessina di casa all’arrivo di Micol e mai avrei potuto immaginarmi un’accoglienza così calda e premurosa. 

Cosa posso volere di più?

Il più piccolo dei mici, Gedeone, è il suo più fidato compagno di nanne.

Per oggi è tutto, il mio piccolo lombrico scalciante reclama la sua mamma ❤


F.

Mamma di Micol, Cracker, Gedeone e Popy.

https://www.instagram.com/fede_madforshopping/

Fascia elastica – Je Porte Mon Bebe

16 Ago

Buongiorno Adorate, 

Stamattina guardando Micol dormire beata mi sono ritrovata a pensare alle prime settimane a casa e a quanto piangeva!!! 😲E mi sono chiesta tra me e me ‘cosa potrebbe servire davvero ad una neomamma al momento del ritorno a casa?’

Seguendo la mia esperienza, avrete bisogno di sostegno prima di tutto. 

Sono orgogliosa e testarda e durante la gravidanza pensavo ‘non voglio nessuno ad aiutarmi, ce la farò da sola’. Ora mi viene da ridere se ci ripenso: la degenza in ospedale non è stata breve come previsto e dopo 7 giorni ero distrutta, una volta a casa mi sono sentita persa. Nessuno ti spiega cosa fare esattamente con un neonato, cosa di cui, per qualche bizzarro motivo, ero convinta in gravidanza, e quel famoso istinto materno che tanto attendevo tardava ad arrivare. Aiuto. Ho avuto con me il mio amore per i primi giorni e una amica per una settimana intera. E meno male!, così mi sono potuta riprendere e ho potuto recuperare le forze.

Ciò che mi ha realmente salvata nei giorni successivi è stata la fascia! 

Premetto che solo ora sto davvero scoprendo il mondo delle mamme canguro e c’è davvero tantissimo da scoprire. Non mi propongo quindi come una esperta, ma voglio fare con voi quello che una amica ha fatto con me: consigliarvi una fascia che con la mia bimba ha funzionato. 

Ricordo che quando decisi di comprare la prima fascia ero stanca a affaticata e ogni volta che mi imbattevo nei vari modelli e recensioni, rimanevo con una tale confusione in testa da lasciar perdere l’acquisto. Avevo bisogno di un aiuto deciso. 

Ed ecco, la mia eroina, Valeria che mi manda direttamente il link di Amazon per acquistare una fascia e un link YouTube per imparare a legarla. Voglio fare lo stesso con voi.


Ed ecco il link per la legatura triplo sostegno. Velocissima da imparare e davvero facile da fare da sola. Ovviamente ci sono un sacco di legature possibili, trovate i tutorial anche sul sito dell’azienda. Potete usarla fino ai 6kg circa.

Giuro, per me è stata una rivoluzione. Micol si addormentava in 30 secondi contanti e dormiva per ore e io avevo le mani libere. Ho usato tantissimo la fascia elastica per i primi due mesi e l’ho fatta usare anche al papi perché potesse avere quel contatto che tanto voleva con Micol. 

Portare in fascia trovo sia una scelta, uno stile di vita quasi, ma trovo che ci porti ad un contatto stupendo con i nostri bimbi. Li fa sentire protetti, come nel pancione e lo consiglio davvero.  Ora siamo passate al MeiTai e Micol o dorme o mi guarda sorridendo mentre la porto in giro.😍😍

Un bacione mammine, dalla vostra F. e dalla piccola Micol

https://www.instagram.com/fede_madforshopping/

Perché piangi?

2 Ago

Buon pomeriggio Adorate,

ho pensato di raccontarvi un po’ della mia vita da neomamma, tanto bella e appagante quanto dura e stremante.

Durante la gravidanza, ero talmente focalizzata su quei nove mesi che tra i tanti libri e riviste comprate per l’occasione, non mi sono mai preoccupata di capire cosa sarebbe successo dopo. 9 mesi a documentarmi, settimana per settimana, su quello che stava accadendo nella mia pancia, senza mai rendermi davvero conto veramente che non sarei stata incinta per sempre. A un certo punto quell’esserino che rispondeva alle mie carezze sul pancione con dei vigorosi calcioni nelle costole, sarebbe diventato realtà.  Io questo lo sapevo, ma non riuscivo a immaginarlo. Mi chiedevo solo come sarebbe stato il parto e le mie paure si concentravano lì.

Micol nel pancione: 6 maggio 2016 – data presunta del parto

Poi… è arrivata lei. L’8 maggio alle 13.29, con un parto lampo, molto meno traumatico di come me lo ero immaginata per 9 mesi.

Non mi sono resa conto subito di essere diventata mamma, guardavo la mia piccola e guardavo la mia pancia …e ancora oggi mi capita di farlo e rimanere un po’ sbigottita. 

Ero convinta che l’istinto materno mi avrebbe subito investita come una luce divina e invece no! Mi sono maledetta per non aver letto niente in gravidanza quando avevo il tempo di farlo. Quindi… PANICO! 

Il primo cambio pannolino? Un disastro!

Ero nel bagno della mia stanza in ospedale con lei sul fasciatoio che gridava fino a perdere il fiato! E io …‘perché piangi ????’ E lei sempre più rossa e piangente! ‘Perché piangi???’ Ricordo la sensazione di panico che mi ha assalita e il pianto a dirotto che mi sono fatta in bagno con lei, finché la mia compagna di stanza non è arrivata in nostro soccorso.

Ecco, questo non era esattamente quello che mi ero immaginata in gravidanza

Il nostro è stato un inizio drammatico, fatto di pianti, paure e sconforto. Sull’allattamento poi, potrei scrivere un libro: quanto è stata dura iniziare, aspettare il latte, capirne i ritmi, correggere l’attacco, trovare il giusto equilibrio e il giusto appoggio e ascolto. Se solo mi fossi informata un pochino prima, forse un po’ di ansia post parto me la sarei risparmiata.

Con il senno di poi, dovendo scegliere una lettura per la gravidanza mi sentirei di consigliare vivamente questo libro

Tutto sull’allattamento naturale

Appena tornata dall’ospedale ho mandato Dario in Prenatal vicino casa a comprare di corsa biberon e latte artificiale… lui, il mio primo sostenitore, è tornato con questo libro, che ho letto tutto d’un fiato e che mi ha convinta a non mollare l’allattamento al seno che tanto desideravo. 

Sono passati quasi tre mesi e ogni giorno cresco e imparo con lei. E quasi sempre la domanda ‘perché piangi???’  fa da sfondo alle mie giornate, ma il panico non c’è più e quell’istinto materno che tanto aspettavo è arrivato e ogni giorno mi stupisco delle cose che conosco di lei e di ciò che imparo su di me occupandomi di lei. È un lavoro a tempo pieno, ma la scelta più appagante della mia vita. È come se la nuova vita avesse cancellato la vita precedente.  SIAMO DIVENTATI UNA FAMIGLIA. Non ricordo come fosse la vita preMicol, in soli 3 mesi ha riempito talmente tanto le nostre vite, il mio cuore e le mie giornate, che non potrei più immaginarmi senza di lei, e senza occhiaie

Delle volte vorrei stringerla così forte che ho paura di farle male. È un amore folle che cresce di giorno in giorno e inimmaginabile finché non ci sei dentro. È una parte di me e il ‘per sempre’ che sognavo da sempre. 

Micol e il suo peloso amico Gedeone

Nei prossimi post vorrei parlarvi delle mie scoperte da neomamma un po’ imbranata, ma ormai super informata, sperando di essere d’aiuto a qualche neomamma un po’ impacciata come me

A prestissimo 

F.

Ps: ci scusiamo se qualche collegamento ancora non funziona, ma ci stiamo lavorando. Vi ricordiamo che ci trovate anche su Facebook alla pagina Mad For shopping Instagram @fede_madforshopping @noe_madforshopping @ele_madforshopping 

DIARIO DI UNA MAMMA

Vita di una mamma (im)perfettamente normale

MM - MERIDIAN MAURA

MM - Meridian Maura, un nuovo stato mentale al di là di ogni tradizionale linea di longitudine. Dopo tutto il fuso orario è solo un'illusione.

Mamma mia!!!!

I miei pensieri, le mie esperienze... Racconti di vita vissuta da mamma di due bimbi ;)

diventeromamma

Mi merito un arcobaleno dopo tutta la pioggia che ho preso

Una mamma in volo!

Diario di bordo di una sfigata cronica... che ha voglia di cambiare

La guarigione comincia dal Cuore

Sapere dove si va, senza mai perdere il cammino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: